GRAZIE


Grazie, e sempre grazie…dalla sigaretta offerta ed accettata, al sorriso inaspettatto, all’ abbraccio improvviso, al bacio desiderato…alla vita infine ritrovata.
@D#C@

IL FILO DEL DISCORSO


Ho perso
il filo del discorso
Parole ingoiate
immagini perdute
emozioni tacitate
La cruda realtà a volte
uccide la poesia
Coinvolto
in questa vita
senza senso
dimentico il pensare
il sentire profondo
il dire aldilà del guardare
E’ già
sforzo indicibile
in questi giorni pesanti
riempire il foglio
di segni sentiti
di righe accorate
Cosi vi lascio
questo vuoto
che vorrei dimenticare

05 aprile 2020
© Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

ISOLAMENTO


Splende un sole
silenzioso di voci
Riflessi di luce
da una finestra chiusa
Sono imprigionato
Da questo niente di vita
Serena scende la sera
E noi reclusi
salutiamo con gli occhi
una fetta di luna

02 aprile 2020
@Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

VAMPIRA


Succhiami tutto
fino al midollo
Assaggia
quest’anima tormentata
mai sazia
La tua lingua
sul cuore
è velluto
è peccato voluto
desiderio mai scemato
Prenditi tutto
lasciami spossato
dentro e fuori

© 2020 Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

CALEIDOSCOPIO


Inattesa
confusione
Tavolozza
a colori
la mente
Brillanti
sbiaditi
sfumati
Non vanno
al loro posto
S’alternano
in un caleidoscopio
inaspettato
Vorticano
macinano
pensieri
emozioni
ricordi
Invano
il pennello
del cuore
s’affanna
in un tentativo
d’ordine
Meglio
rinunciare
voltare
pagina
E di nuovo
inattesa
confusione

© 2020Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

UN VUOTO


Ho visto
ho sentito
ho gustato
ho odorato
ho provato
ho fallito
ho vinto
ho perso
forse
ho amato
Ma
non è bastato
Resta
comunque
un vuoto
una mancanza
una carenza
inattaccabile
ineludibile
persistente
inspiegabile
incomprensibile
Resta
e fa male
resta
e tormenta
Ma anche
di questo
non posso
fare senza
Non sarei
più io
non sarei
l’uomo
che so
di essere
Ci vivo
ci convivo
perché so
che mai
mi lascerà

30 marzo 2020
© Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

SE SAPESSI SCRIVERE


Se sapessi
davvero scrivere
scriverei
Scriverei
di te di me
di noi
Della forsizia
giallo splendore
nei primi giorni
d’una primavera
lenta a sbocciare
Del merlo
appoggiato al balcone
che gorgheggia
melodia d’amore
Del sole rosso calante
che parla senza parole
Del mio bisogno d’amore
che manca
ogni giorno di più
Del ragno Gambelunghe
compagno di notti
che non finiscono mai
Dei segni del tempo
che volentieri annullerei
Se sapessi
davvero scrivere
scriverei
Ma scarabocchio soltanto
quattro parole buttate
per liberare nell’aria
sospiri dell’anima.

29 marzo 2020
# Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati


MUSICA NATURALE

stanotte
ho musica
naturale
piove
e canta
il cielo
melodie
rilassanti
ascolto
e si
malinconia
ma leggera
sottile
come queste
mille gocce
d’acqua

25 marzo 2020
© Daniele Cerva
Tutti i diritti riservati

NELLA NOTTE


Questa Notte
e come ogni notte
vago errabondo
ascoltando i miei passi
sull’umido selciato
vecchi lampioni ronzanti
diffondono opaca luce
da lampade sfinite
negli occhi
la fuga dei portici
ed in lontananza
fumi di nebbia
freddo intenso
più dentro che fuori
come sempre
in queste ore
inseguo pervicaci pensieri
che non mi lasciano mai
stanotte
voglio essere me
senza compromessi
e lasciarmi prendere
dalla malinconia

24 marzo 2020
© Daniele Bosetti Cerva
Tutti i diritti riservati