Scelte


Ho deciso di non decidere
Meglio il dubbio
della menzogna

© 2015 Daniele Cerva

dubbio12

Annunci

Sempre oltre


Guardo sempre oltre
troppo oltre
m’aggrappo
a pensieri e desideri
impossibili inammissibli
Mai contento
vorrei già essere a domani
e più in la
Sono stanco
di questo presente
annoiato
Ho bisogno di stimoli
di una spinta violenta
che mi rilanci nella vita
E chissà perchè
penso alla luna nel pozzo
che sembra prigioniera
ma prigioniera non è
Sta in alto
nel cielo buio
ed ogni giorno
prosegue il suo viaggio
Immenso è il mio desiderio
di raggiungerla

27 settembre 2015
© Daniele Cerva

moon climbing by los tomatos

Fuori


Sono fuori
fuori da me
fuori da voi
fuori dal mondo
fuori da tutto
Fuori da una vita
sempre più inutile
sempre più piatta
sempre più indifferente
Fuori dall’amore
spento
dimenticato
se mai esistito
Non ho più voglia di me
delle mie contraddizioni
dei miei silenzi
del mio non esserci
Ho visto troppo
ho dato troppo
ho sognato troppo
Troppo
troppo di tutto
e troppo di niente
Voglio solo sparire
isolarmi
annullarmi
Ma neppure questo
è abbastanza
Sono fuori
lasciatemi fuori
passate su me
attraversatemi
Io nemmeno
me ne accorgerò

24 settembre 2015
© Daniele Cerva

solitudine01

Fra Luce e buio


Confuso
ed intrappolato
fra luce ed ombra
trascino lentamente
passi silenziosi
Che fare?
Dove andare?
La luce
m’attrae e mi spaventa
m’intimorisce e m’affascina
Mi lascia confuso
è meta lontana
desiderio insondabile
Meta non facile
da raggiungere
Il buio mi è fratello
amico protettivo
compagno
di tante notti insonni
M’avvolge
m’abbraccia
mi trattiene
come donna gelosa
Mi protegge discreto
ascolta i miei pensieri
e li tramuta in parole
Ed io sono qui
incerto su dove andare
Attenderò
un altro tramonto
confuso fra luce e ombra
ed aspetterò di sentire
i battiti del cuore cambiare
Allora saprò

21 settembre 2015
© Daniele Cerva

Un ringraziamento ed un abbraccio affettuoso a Tiferett

Tiferett

Pensieri sparsi 100


Firmo con il sangue
ogni parola scritta
Sempre difficile vomitare se stessi

© Daniele Cervasangue-mano

Un poeta ignorante


Sono
un poeta ignorante
Mastico e ripeto
stesse parole
stesso sentire
Vocabolario limitato
M’accontento di udire
ogni sillaba
niente punteggiatura
niente tecnicismi
a me ignoti
Solo e sempre
quello che nasce dentro
Invulnerabile ed indifferente
alla vanità del verseggiare
Io sono questo
e niente chiedo di più
La semplicità
il pungere
un’anima sensibile
è più che sufficiente
Lascio ad altri
poeti laureati
vanitosi e competenti
la frase perfetta
il verso incantatore
le finezze
del vuoto sentire
Io volentieri mi nascondo
e poco mi cala
dell’effimero interesse
Cosi sempre sono io
senza addobbi
ed inutili pergamene

19 settembre 2015
© Daniele Cerva

Citazione


Non è difficile aggrapparsi. Difficile è distaccarsi.

Cit.

658-foto-ricordo-bilico-gran-canyon