Rifugio


Cacofonia
Un marasma
di suoni
rumori inintellegibili
vuote grida ridondanti
Tutto è città
che non riconosco
Vivo
nel mio angolo di mondo
assuefatto alla calma
al silenzio
rotto solo
da canti d’uccelli liberi
Sto bene con me
rifugio assoluto
E rimango con le mie parole
udite da pochi
qui

29 maggio 2015
© Daniele Cerva

da-fuori

Annunci

G. Caproni


Buttate pure via
ogni opera in versi o in prosa.
Nessuno è mai riuscito a dire
cos’è, nella sua essenza, una rosa

G.Caproni

357fabad13_5341276_med

Ho bisogno


Ho bisogno
che tutto s’asciughi
che ogni cosa
ritorni al suo posto
all’origine
Ogni lacrima
versata
ogni respiro
trattenuto
ogni spina
nel cuore
ogni gioia
consumata
ogni dolore
nascosto
ogni urlo
non urlato
ogni amore
dimenticato
Solo cosi ritroverò
il senso intero
di questo andare

28 maggio 2015
© Daniele Cerva

629691633

Sollievo


Liscia
come una lastra di vetro
è l’anima tersa
in un mattino di primavera
Sottili rivoli di pensieri
s’affacciano
senza invadenza
Scorrono leggeri
non incrinano
il mio sentire
Resto ad osservare l’alba
Ormai
nulla mi può nuocere

27 maggio 2015
© Daniele Cerva

timthumb

Ricordi


I ricordi
sono spine nel cuore
Come le rose
protumano
e feriscono

D.C.

RosaSpinosa

Fotogrammi di parole


Molti
leggono
Pochi sentono

+++++++++++++++++++

Sono drogato
drogato dalla vita
Mi faccio e mi rifaccio
ogni giorno
e ne voglio sempre di più

+++++++++++++++++++

L’unica cosa
che lega
più dell’amore
è
lo stesso sangue
A mio fratello Alberto

++++++++++++++++++++

Ho riso, ho pianto. ho vissuto
ma ancora
non è abbastanza

+++++++++++++++++++

Fa meno male
un pugno in faccia
che guardarsi dentro

++++++++++++++++++++

Lasciatemi
solo
Ho bisogno di me

+++++++++++++++++++

Desiderare
è volere
se si sa sognare

© 2015 Daniele Cerva

Grunge film frame, vintage background

Grunge film frame, vintage background

E se il cielo


E se il cielo
fosse casa
e non
questo seme
d’arancio
sputato
a casaccio
nel vuoto
infinito?

22 maggio 2015
© Daniele Cerva

nastol.com.ua-104

Irriconoscibile


Nessuno
sa chi sono
Nessuno
mi conosce
davvero
Neppure io
Ogni tanto
svanisco
in me stesso
Mi calo
a fondo
tra impervie
pareti
e mari
senza fondo
Abissi
nascosti
colmi
di contraddizioni
pensieri
blasfemi
sensazioni
innominabili
che non riconosco
mie
Eppure
sono là
aggrappate
ad una appendice
della coscienza
in agguato
E dunque
mi tradisco
ogni giorno
ma taccio
e sorrido

21 maggio 2015
© Daniele Cerva

Abisso_2

Vorrei


Ho bisogno di fiato

d’ampi spazi puliti

serene albe rurali

e dolci tramonti

velati di malinconia

Ho bisogno di vita

di muovermi

viaggiare

dentro e fuori me stesso

non esserci

ed esserci ancora

Ho bisogno d’amore

labbra rosse carnose

seni turgidi

e fianchi accoglienti

dove riposare

il mio corpo stremato

Vorrei poter dare

ancora di me

il meglio che ho

in questi anni maturi

prima di esaurire

le mie ultime forze

Vorrei essere via

vorrei essere fuori

vorrei essere folle

In poche parole

rivorrei la mia vita

21 maggio 2015

© Daniele Cerva

vlcsnap-2009-07-23-17h47m06s187-729907