Distrazione


Sto navigando tranquillo
tra una nota e l’altra
di questa soffice melodia
Guardo incantato
il sole scendere lentamente
oltre il profilo dei monti
Questa fuga dalla realtà
mi trasporta lontano
mi colma l’anima
di fantasie dimenticate
Avevo bisogno
di questo vagare senza meta
senza uno scopo
lontano dalla monotona quotidianità
dal lento trascorrere
di giorni sempre uguali
senza fine senza sentimento
Ho ritrovato attimi ormai scordati
pensieri chiari e puliti
la mente sgombra
da qualunque angoscia
Fino al ritorno
voglio restare cosi
sospeso tra sogno e realtà
dimentico del domani
dell’oggi del ieri
Ed intanto cresce pallida
una luna intera

31 luglio 2015
© Daniele Cerva

montagne_tramonto

Annunci

Scrivo


Scrivo
per pochi
scrivo
per me
Per non impazzire
per non vomitare
per non morire
sommerso
dal vuoto
dal nulla
incombente
Scrivo
per non ascoltare
per non vedere
per poter ancora
immaginare
Scrivo
per non assimilare
per non assuefare
la mente
Scrivo
è vero
per fuggire
Ma è meglio
un sogno
di questa inutile
realtà

28 luglio 2015
© Daniele Cerva

534fcd3f79cf032dbb6ffcfb1c7eca3e

Minima Poetica 20


In questo caldo
giorno di luglio
l’apatia
sommerge i pensieri
Voglia di niente
Solo ascoltare
il silenzio
lungo le strade vuote

26 luglio 2015
© Daniele Cerva

la mia campagna

crescentino-bioetanolo-21-770x513

Amplesso Totale


cerco
la solitudine
e masturbo
i miei pensieri
per dar loro
piacere
e soddisfare
le mie voglie
inconsulte
imprevedibili
innominabili
sommo
godimento
il pensare
amplesso
irraggiungibile
eiaculazione
morbosa
per molti
incomprensibile
divoro
quest’estasi
ogni giorno
che vivo

26 luglio 2015
© Daniele Cerva

amplesso_perfetto_photo_by_lucia_stefanecchia

Riunione


RIUNIONE

Silvia
Novembre 1960 – Maggio 1977

Io
completo
solo
quando
sarò
di nuovo
con te

D.C.

Minima Poetica 19


Solo
quattro note
dalla radio
E sei
di nuovo qui
mio dolce
Tormento

D.C.

Ombre


Ho voluto essere
l’ombra
che si nasconde
guardinga
aldilà della luce
oltre la porta dell’anima
Ho trovato
residui di ricordi
sensazioni non volute
cassetti pieni
di cose dette e non fatte
rimpianti e delusioni
e vane parole
sprecate per niente
Tutto il superfluo
l’inguardabile
l’intoccabile
è nascosto laggiù
Devo tornarci
in un giorno sereno
e mettere ordine
per dare pace ai pensieri
e a ciò che ancora
rimane di me

24 luglio 2015
© Daniele Cerva

ombra1

Minima Poetica 18


Ti ascolto
in silenzio
Mi basta
il suono
delle tue parole
Dentro
è musica

D.C.

Minima Poetica 17


Vesto il tramonto
di pensieri
Quasi
mi vedo dipinto
sull’acqua
S’allungano le ombre
E resto ad ascoltare

D.C.