Incompleto


Ho amato
ho odiato
ho preso
ho dato
ho vissuto
sofferto
e gioito
ho creato
distrutto
me stesso
gli altri
ancora
non basta
manca
sempre
qualcosa.

© 2016 Daniele Nani Cerva

Annunci

Fuori


Sono fuori
fuori da voi
fuori da me
fuori dal mondo
fuori da tutto
come un clochard
raccatto mozziconi
di vita e sigarette
scandaglio immondizie
interiori ed esteriori
non ci sono più
troppo vecchio
per agire
troppo giovane
per morire
e cosi sopravvivo
giorno per giorno
ora per ora
nuotando
in un mare di merda
con appena la testa
fuori dal letame
niente rinnego
e nulla rimpiango
le scelte sbagliate
gli amori perduti
i sorrisi dimenticati
tutto questo
è ieri
sono troppo occupato
a cercare un domani
ma resto fuori
osservo ormai indifferente
le mille figurine per strada
ed ancora di più
rimango con me.

© 2016 Daniele Nani Cerva

15193480_350787405287029_4984468172044229952_n

Ancora un altro pensiero


A COSA STO PENSANDO? AD UN’ALTRA SETTIMANA CHE INIZIA, AD UN ALTRO GIORNO DA CONSUMARE, AL NIENTE CHE ARRIVA A SERA, AD UN PIATTO DI PASTA CHE NON FINISCE MAI, ALL’ATTESA DEL BUIO, DEL SILENZIO, DEL MIO DENTRO, AL TUTTO CHE MI SALVA DI NOTTE…BUON INIZIO SETTIMANA

tumblr_o7srntmtiq1v2p5a6o1_1280

Early December


Mattino d’inverno
vagabondando
senza meta.
@A#L@
Rielaborazione Foto Personale
fine-novembre-edited

R.I.P.


PENSATE QUEL CHE VOLETE…NON ME NE FREGA NIENTE
 
R.I.P.- HASTA LA VICTORIA SIEMPRE
251fa0c2-53ec-4649-8ee5-95dfd7b937e4

TUTTI I GIORNI E’ IL 25


INNOCENZA VIOLATA

Aggrappata alla vita
come l’edera al suo muro
cercava di non pensare
a quelle mani grandi e cattive
che frugavano il suo corpo
e le invadevano l’intimo
il suo dentro più profondo
e sconvolgevano in un attimo
tutto ciò in cui credeva
L’amore sognato e puro
La sua prima volta sarebbe stata
una tempesta di emozioni
ed una sottile paura
di poter percepire il dolore
Ma ci credeva
Credeva in quel ragazzo gentile
che le sussurrava dolci parole
che la teneva per mano
e la portava con se verso il suo sogno
E poi la cruda realtà
irruppe improvvisa
Il branco aveva trovato la preda
Nessuna pietà
niente più parole gentili
solo cattiveria e violenza gratuita
a martoriare il suo giovane corpo
cosi delicato ed indifeso
Poi la lasciarono li
come un oggetto ormai inutile
usato una volta e dimenticato
Non era il sangue
non era il dolore
a lasciarla sconvolta
ma il tradimento subito
La sua ingenuità e purezza rubate
da quel ragazzo
che le aveva sussurrato dolci parole
e che la teneva per mano
Lei ci aveva creduto a quel sogno
Adesso non ci avrebbe creduto
Mai più

25 novembre 2016

© Daniele Nani Cerva

Un altro pensiero


L’assenza è un’emozione senza corpo.
La perdita è l’assenza delle emozioni.

DNC

98

Briciole 22


Ancora

qualcosa

si muove

Non vorrei

fosse solo

illusione

© 2016 Daniele Nani Cerva

Briciole 21


E se

ancora

devo

vivere

vorrei

che fosse

per me

© 2016 Daniele Nani Cerva