Campane a morto


Presi il mio cuore
e lo posi nella mia mano
 
lo guardai come chi guarda
grani di sabbia o una foglia.
 
Lo guardai pavido e assorto
come chi sa d’essere morto;
 
con l’anima solo commossa
del sogno e poco della vita
 
FERNANDO PESSOA
(Lisbona 1888 – 1935)
Fernando-Pessoa
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...